Marmellata di Arance e Carote

L’inverno è la stagione giusta per abbuffarci di vitamina C, ma quando gli agrumi scarseggiano che fare? Ricorrere alle marmellate, rigorosamente fatte in casa, rigorosamente BIO!

Questa mattina sono stata dal fruttivendolo sotto casa e non ho potuto fare a meno di acquistare delle meravigliose arance non trattate, delle carote e dei limoni spettacolari, tutto il necessario per fare la mia marmellata, e infatti una volta in casa ho creato :-)

Ingredienti:
1 kg di arance non trattate
2 grosse carote bio
2 limoni non trattati
800 gr di zucchero

Procedimento:
Io questa marmellata l’ho preparata con il bimby, ma è semplicissima ed è sufficiente avere in casa un frullatore o un robot da cucina.
Per prima cosa pelare a vivo le arance e i limoni, conservando circa 60 gr delle bucce di arancia alle quali avremo tolto la pellicina bianca che altrimenti farebbe diventare amara la nostra marmellata; peliamo le carote e frulliamole insieme alle bucce d’arancia.
Ora tagliamo grossolanamente gli agrumi, e mettiamoli in una pentola alta, adatta al nostro scopo, fare la marmellata!
Aggiungiamo il trito di carote e bucce, ed infine lo zucchero. Portiamo ad ebollizione e cuociamo per 1h e 30 circa, anche se dopo 1h vi consiglio la prova piattino; se usate il bimby, frullate tutto insieme e cuocete 50 min 100° vel 2 + 10 min varoma vel 1.
Nel frattempo laviamo e sterilizziamo 5 o 6 vasetti con relativi tappi, accendiamo il forno a 150° e appoggiandoli sulla leccarda, inforniamoli per un’ora circa, in questo modo i vasetti verranno sterilizzati.
Una volta pronta, invasare la marmellata, chiudere e capovolgere a testa in giù i vasetti, permettendo così di andare sotto vuoto.

E’ una marmellata non troppo dolce, ma che si presta a tantissimi usi!

:-)

Cardo alla pizzaiola

Che a me piaccia la passata di pomodoro è ormai risaputo, e infatti quest’anno ho richiesto una super produzione al mio babbo, ma che si potesse abbinare bene anche al cardo, questo non lo avrei mai detto … e invece :-)

Domenica scorsa siamo stati a pranzo dai suoceri, e ci hanno preparato questo vegetale a me sconosciuto … il cardo, era cotto nel latte e insaporito nel burro e grana, come si fa per gli spinaci tanto per capire, io invece per ridurre le calorie l’ho preparato alla pizzaiola… ma andiamo per gradi!

Il cardo è un vegetale invernale, piuttosto noioso da pulire, assomiglia al sedano come forma, e al carciofo come sapore.
Per prepararlo si devono eliminare le coste esterne più dure e filamentose, l’ideale è usare un coltello affilato o un pelapatate, poi vanno spuntate e tagliate a pezzetti, ricordandosi di immergerli in acqua e limone per evitare che diventino neri (come i carciofi).
La cottura più veloce è quella in pentola a pressione, si mette l’acqua a filo, e dal fischio della pentola si deve abbassare al minimo il fuoco, e cuocere per circa 40 minuti.

Una volta cotto e lasciato intiepidire, si può ripassare in padella, come ho fatto io stasera, 5 minuti con un filo d’olio, della passata di pomodoro e una spolverata di origano…mia suocera invece una volta cotto, l’ha messo in padella, coperto a filo con il latte, e lasciato asciugare, a fine cottura ha aggiunto qualche fiocco di burro e una bella spolverata di grana … davvero ottimi :-)