E dopo aver rinfrescato … Pane integrale con lievito madre

No non sto parlando del clima, anche perchè fresco è un eufemismo, qui fa proprio freddo … e con il freddo via all’influenza … fino a ieri volevo l’inverno, oggi rivoglio la primavera … come direbbe mio marito <non sei mai contenta!>

Vabbè, tornando a noi, dopo aver rinfrescato il lievito madre, e averlo ringalluzzito per ben benino :-), stamattina ho informato la pagnotta!

Ma andiamo per gradi:
Ieri mattina ho preso i miei 50gr di lievito madre e li ho rinfrescati con 50gr di farina e 25ml di acqua, ho impastato il tutto, fatto una pallocchetta e messo a riposare, il mio lievito era fermo da un paio di giorni, quindi è cresciuto nel giro di 5 ore.
Nel primo pomeriggio ho preso tutto l’impasto ottenuto, circa 125gr e l’ho rinfrescato con altrettanta farina e 62ml di acqua, questa volta il lievito è cresciuto in 3 ore.

Verso sera ho preso 300gr del mio lievito madre e finalmente ho iniziato ad impastare!
A questi 300gr ho aggiunto 600gr di farina integrale e 350ml di acqua tiepidina nella quale ho sciolto 1 cucchiaino di malto d’orzo (ma va benissimo anche il miele o ancora più semplice dello zucchero), ho impastato con la planetaria (a mano troppa fatica :-P) fino ad incordatura, circa 15 minuti;
l’ho messo in un contenitore tipo tapper, e ho lasciato riposare l’impasto 15 minuti;

Ora potete scegliere due strade:

  1. riponete il contenitore chiuso in frigorifero, nella parte più bassa, appena sopra i cassetti della frutta per intenderci, e lasciatelo riposare per tutta la notte; io ho seguito questa strada, stamattina alle 5:30 l’ho tirato fuori dal frigo per riportarlo a temperatura, verso le 8 l’ho reipastato aggiungendo 2 cucchiaini di sale e dopo avergli dato la forma desiderata l’ho messo a riposare per 4 ore circa; poi l’ho cotto a 200° per 15 minuti e altri 30 minuti a 180°…
  2. altrimenti potete fare la prima lievitazione a temperatura ambiente, quando lo vedrete bello lievitato (dalle 3 alle 5 ore dipende dalla temperatura che avete in casa), lavoratelo nuovamente sulla spianatoia, aggiungendo sempre 2 cucchiaini di sale, date la forma desiderata, e mettete a lievitare per altre 4 ore (come nella prima opzione), la cottura rimane invariata.

Onestamente preferisco sempre fare la prima lievitazione in frigorifero, perchè riesco a gestire meglio i miei tempi, e la pasta matura di più rendendo il pane più soffice e leggero … a voi trovare la strada migliore con le vostre necessità :-)

Ultima nota, per non far diventare la crosta troppo dura e spessa, mentre il pane cuoce potete mettere all’interno del forno un coccio adatto alle alte temperature con acqua, questo manterrà l’umidità necessaria all’interno del forno per mantenere la crosta come vogliamo noi.

Buon Appetito!

p.s: a colazione spalmato con il miele, è una meraviglia :-)

Annunci

Le priorità del mattino …

Vi siete mai chiesti quali siano le vostre priorità appena svegli? Quei gesti che fate in automatico … senza quasi rendervene conto …

ecco … mio marito, un esempio a caso :-), prima del caffè non riesce a parlare, deambula per casa alla ricerca di caffeina … dopo il caffè … cerca gli occhiali … solo dopo gli si può rivolgere una domanda se si vuole ottenere una risposta che abbia un senso :-)

Io questa mattina ho rinfrescato il mio lievito madre … questa è stata la mia priorità …
Il lievito madre l’ho conosciuto bazzicando il forum di Cookaround, li ci sono davvero delle persone disponibili e gentili, e per quel poco che so devo ringraziare loro!
Ma veniamo a noi, come dicevo, ho rinfrescato il lievito madre perchè stasera vorrei fare il pane …

In rete si trovano tantissime informazioni su come produrlo e conservarlo, qui scriverò il metodo che ho usato io, sicuramente non sarà il migliore o il peggiore di altri :-)

Ingredienti per primo impasto:
200gr farina 00
90gr acqua a temperatura ambiente meglio se non di rubinetto
1 cucchiaio di miele
1 cucchiaio di olio + olio per ungere la ciotola di vetro

Ingredienti per rinfresco:
100gr di pasta madre ottenuta dopo 48 ore
100gr di farina 00
45gr acqua a temperatura ambiente

Procedimento:
Impastare tutti gli ingredienti, formare una palla con un coltello incidervi una croce, e mettere a riposo in una ciotola di vetro unta di olio con un piattino sopra, riporlo in un luogo temperato per 48 ore.
Trascorse le 48 ore, prendere 100gr di pasta madre (il resto si può buttare) e procedere con il rinfresco aggiungendo 100gr di farina e 45gr di acqua, lasciar riposare 48 ore.

Procedere con un secondo e un terzo rinfresco, seguendo le stesse indicazioni del primo e lasciar riposare 48 ore tra uno e l’altro.

Se non ho fatto male i nostri calcoli, dovremmo essere a 48+48+48+48 ore, a questo punto dovreste vedere una bella fermentazione!

Da questo momento procedere con un rinfresco ogni 24 ore per 7-10 giorni

Trascorsi 10 giorni circa, procedere con due rinfreschi alla settimana per 40/50 giorni, questo farà maturare il lievito.

Dopo circa 2 mesi il lievito sarà maturo e pronto per la conservazione in frigorifero, con un rinfresco ogni 4-5 giorni.

Sicuramente starete pensando che il vostro lievito sarà inutile per i primi due mesi, e invece no :-), già dopo i primi 15 giorni, sarete in grado di fare i primi esperimenti!

Se non si era capito, Io Amo la Pasta Madre :-)

Ed eccoci qua …

… sono anni che ci penso …

Ma se lo faccio, poi che ci scrivo? e chi mi dovrebbe leggere? anzi … a chi dovrebbe importare quello che ho da dire?

Qui in casa hanno accolto la notizia così:

io:<sai ho deciso di scrivere un blog>
lui:<ah … e visto che siamo sposati, dovrò leggerti per forza?>
io:<…>

… e come volevasi dimostrare :-)

Tornando a noi, ho deciso di farlo, e di rendere partecipe il web di quello che le mie manine creeranno, nella buona e nella cattiva sorte … probabilmente non vi insegnerò nulla di nuovo, ma magari prendendo spunto da poche semplici parole, in voi nascerà l’idea del giorno :-)

A presto!